Welcome to Idea R | Branding - Web Agency - Digital Strategies
Switch to the mobile layout

      Idea R - Do your competitors are always ahead? - Raise your voice with web marketing!

Blog

Take a software geek from the 80s, add a new generation graphic designer and dilute with a longtime marketing strategist. Shake vigorously and you'll get the Idea R's blog.

Change language... italiano

I segreti del Mental Marketing #2: il rivelatore di bugie

Published on 5/13/2014
Categories: Advertising
I segreti del Mental Marketing #2: il rivelatore di bugie

This article is available in English too.

Dopo la prima tecnica di Mental Marketing, abbiamo ormai assodato che si può applicare il mentalismo alla pubblicità.
Vi svelo un altro segreto? Vediamo allora come una tecnica di ipnosi possa amplificare le capacità di persuasione delle vostre campagne di marketing.

Il rivelatore di bugie

Il punto di partenza è un trattato di ipnosi (Patterns of the Hypnotic Techniques di Milton H. Erikson) in cui il famoso psicoterapeuta statunitense studia i processi cognitivi a partire dai movimenti degli occhi. Nel mentalismo queste tecniche vengono utilizzate per capire se lo spettatore che si ha di fronte stia mentendo (vi lascio immaginare le innumerevoli applicazioni).

Senza entrare nel dettaglio, Erikson divide le persone in 3 categorie:

  1. Quelli che sono più predisposti a guardare.
  2. Quelli che sono più predisposti ad ascoltare.
  3. Quelli che amano parlare con se stessi.

Come si applica alla pubblicità?

E' importantissimo tenere presente i processi cognitivi di tutti i nostri possibili clienti.
L'errore più comune è creare campagne solo per uno dei 3 gruppi, quello di cui noi stessi facciamo parte, perdendo efficacia con il rimanente 2 terzi della platea.
Le persone appartenenti al primo gruppo vengono maggiormente attratte dalle immagini, i secondi dalla musica e dalle parole e i terzi amano ragionare e immaginare.

Per esempio, se dovessimo vendere un bicchiere dovremmo:

  1. Mostrare la limpidezza, i giochi di luce, la squisita manifattura del bicchiere (per le persone predisposte a guardare).
  2. Colpire leggermente il bordo del bicchiere per far sentire il dolce suono del cristallo (per le persone predisposte ad ascoltare).
  3. Dire "Immaginate come starebbe bene questo bicchiere sulla vostra credenza" (per le persone che amano parlare con se stessi).

Ti è piaciuto fino a qua l'articolo?

Prima di continuare nella lettura, seguici sulla nostra pagina LinkedIn cliccando il pulsante qui sotto!
In tal modo rimarrai aggiornato sulle strategie digitali non solo con i nostri articoli, ma anche con le migliori pubblicazioni che raccogliamo in giro per la rete.

Come si applica al web marketing?

Anche qui è fondamentale utilizzare tutti gli strumenti possibili per rivolgerci alle 3 tipologie di visitatore, senza trascurarne alcuna.
In un sito di e-commerce, quando dovremo mostrare un prodotto:

  1. Useremo molte immagini (per le persone predisposte a guardare).
  2. Abbineremo dei video esplicativi o dimostrativi (per le persone predisposte ad ascoltare).
  3. Forniremo dettagli tecnici e tabelle comparative (per le persone che amano parlare con se stessi).

In futuro, quando un prestigiatore vi dirà "la tua carta potrebbe essere rossa", non siate sorpresi se vi starà guardando intensamente negli occhi.

You are the reader number 13,838.

Comments

Previous article

Previous article

Lazy loading and the SEO problem, solved!

Next article

Turn your display into a 3D one... using optical illusions

Next article

Scroll to top