Welcome to Idea R | Branding - Web Agency - Digital Strategies
Switch to the mobile layout

      Idea R - Plan your visual communication at 360°
  • HomeHome
  • About UsAbout Us
  • ContactsContacts

Blog

Take a software geek from the 80s, add a new generation graphic designer and dilute with a long time marketing strategist. Shake vigorously and you'll get the Idea R's blog.

Change language... italiano

You may be interested in

Irritated by your blog performance? Boost it using the cloud!

Irritated by your blog performance? Boost it using the cloud!

Are you using the world's fastest hosting? If you have a bad architecture, your blog won't have a great performance. Here is the ultimate solution.

How to skip the CDN during ASP.NET development

How to inject the Content Delivery Network URL in the production website without having to hardcode it.

Last published

How to design a FAKE B2C brand for a real B2B service

How to design a FAKE B2C brand for a real B2B service

Interesting case study where to advertise B2B services we created a fake B2C product in a guerrilla marketing campaign.

Influencer Marketing: all you need to know

What is the influencer marketing? Who are the brand ambassadors? Let's see how small and medium-sized companies can exploit to their advantage.

Most popular

Lazy loading and the SEO problem, solved!

Lazy loading and the SEO problem, solved!

The best SEO solution to index your dynamically loaded contents, no more compromises!

Case study: IED Open Day, building a font by hand... literally

These days graphic design is mainly the result of software tools. Here's a case study where a brand is designed with glue and scissors

Editor's pick

Mental marketing secret #1: the fake compromise

Mental marketing secret #1: the fake compromise

Can mentalism influence marketing? As a marketing professional and a long term magician, I will reveal you some tricks.

How to dramatically increase social media LIKEs to your web site

Here's a free download that I created some time ago. It's a good tool for increasing engagement, but use with caution.
newsletter

Stay informed on digital strategies

RSS feed

Il Cloud per le aziende spiegato in poche semplici parole

Published on 9/19/2013
Categories: Web & Apps
Il Cloud per le aziende spiegato in poche semplici parole

A meno che negli ultimi anni non siate vissuti in un eremo sulle Valli del Pasubio, sicuramente avrete sentito parlare del cloud computing.
Il vostro responsabile IT vi dice che il cloud è sempre il solito web hosting a cui per ragioni di marketing hanno cambiato nome? (N.d.A. giuro che mi è capitato di sentirlo).
Vostro figlio grazie allo smartphone usa il cloud con soddisfazione, mentre la vostra azienda non sa nemmeno cosa sia?
E infine, il cloud potrebbe essere un vantaggio competitivo? Come?

Questo articolo farà chiarezza sull'argomento, spiegando con semplici parole ed esempi cos'è il cloud e quali grandi opportunità offre alle aziende.
La cosa che verrà alla luce sin dall'inizio è che il cloud è per tutti, non esistono aziende che non sono adatte per il cloud. Esistono solo aziende che ci sono arrivate per prime e aziende che comunque prima o poi dovranno arrivarci.
Dovete solo decidere se volete arrivarci per ultimi.

Partiamo dall'inizio: i server

C'erano una volta le reti aziendali.
In una stanzetta dedicata, con l'aria condizionata a piena potenza anche d'inverno, c'erano i server, molti server,

  • quello con il gestionale,
  • quello con i progetti e i documenti (spesso anche uno aggiuntivo dedicato alla intranet),
  • quello che gestiva gli utenti della rete (primary domain controller),
  • quello che subentrava nel caso si rompesse il precedente (backup domain controller),
  • quello che gestiva la posta elettronica,
  • quello che faceva il backup alla rete aziendale,
  • quello che faceva da firewall per evitare l'intrusione di hacker da Internet.

E fino a qua ho descritto la situazione tipica della piccola azienda, la più piccola configurazione possibile se volete una rete sicura e minimamente fault-tolerant.
Se poi nel vostro business non vi potete permettere qualche giorno di stop in caso di rottura di uno dei server, allora probabilmente tutti i precedenti li avete duplicati in un cluster, in modo che se si rompe un server il suo gemello entra in azione istantaneamente.
Sì perché i server si rompono, ne so qualcosa credetemi, si rompono i dischi, gli alimentatori, le schede di rete... e si rompono spesso, anche se li avete comprati di marca prestigiosa.

Tutto questo ha un enorme costo!

  • L'hardware costa;
  • diventa obsoleto velocemente;
  • poi bisogna comprare il software (sistemi operativi, database, gestionali, ecc.);
  • anche il software diventa obsoleto e va aggiornato, persino più frequentemente dell'hardware;
  • tutto questo non funziona da solo, ci vogliono risorse umane competenti e specializzate.

Poi è arrivata la virtualizzazione

Un giorno è arrivato qualcuno e vi ha detto: "Lo sai che i tuoi server per il 90% del tempo sono fermi a fare niente?"
Ma come, oltre al danno anche la beffa!? Costano un sacco, si rompono e poi lavorano pochissimo, solo al 10% delle loro potenzialità?!

La soluzione che vi hanno proposto è stata la virtualizzazione dei server: in poche parole un programma prende il vostro server fisico e fa credere alla rete aziendale e a tutti i vostri utenti che invece ci siano ad esempio cinque server. Praticamente con il costo di un server ce ne troviamo cinque! E va tutto alla grande senza perdita di performance, vi ricordate infatti che i server per il 90% del tempo non facevano niente?

Bene! In questa maniera abbiamo abbassato notevolmente i costi... abbiamo però alzato i rischi, perché se si rompe il nostro server fisico, sarà come si rompessero cinque server tutti assieme (quelli virtuali).
Dobbiamo dunque potenziare tutta l'infrastruttura di backup e disaster-recovery... sarà meglio mandare a fare qualche corso il nostro amministratore di rete.

Stop ai costi fissi, arriva il cloud

Il cloud oltre ad offrire nuove ed incredibili opportunità applicative (lo vedremo fra poco), è anche un modo per cancellare i costi fissi e abbattere drasticamente il budget necessario alla gestione di una rete aziendale.
In poche parole eliminate la maggior parte dei server (se non addirittura tutti) e mettete tutto il resto nel cloud. Ci sono provider specializzati, ad esempio Microsoft con il suo Windows Azure, che vi mettono a disposizione tutti i server di cui avete bisogno... a distanza.

Quali sono i vantaggi?

Non dovrete mai più preoccuparvi dell'obsolescenza dell'hardware, ci pensa il provider ad aggiornare i vostri server.
Per lo stesso motivo non dovrete mai più preoccuparvi dell'obsolescenza del software.
Non dovrete più preoccuparvi di salvare i dati e avere server duplicati nel caso se ne rompa qualcuno, il vostro provider renderà i vostri dati ridondanti, sia mettendoli su più server, sia distribuendoli geograficamente sul pianeta: se dovesse scoppiare un incendio nella stanza dove si trova il vostro server, ne subentrerà istantaneamente un altro con tutti i vostri dati aggiornati, ma che si trova geograficamente da un'altra parte.
Beneficerete dunque di un'infrastruttura di sicurezza che voi non potreste nemmeno permettervi.
Ah, e non dimentichiamo anche i costi dell'aria condizionata e il suo impatto dal punto di vista della sostenibilità ecologica: questo adesso non è più un problema vostro, Microsoft possiede ad esempio un data center con migliaia di server... in Islanda. Gli basta tenere la finestra aperta.

Microsoft Data Center

Bello, ma quanto costa?

Non è tanto il prezzo, che comunque è estremamente inferiore ai costi di gestione di una rete privata, ma è il modello di pagamento che è cambiato: si paga al consumo. Avete capito bene, non ha importanza quanti server avete, ma quanto li usate.
E come se non bastasse potete cambiarli di continuo: se ad esempio per un periodo dell'anno vi serve più potenza, la aumentate con un click e la riportate indietro quando non vi serve più. E' come avere una rete che potete riconfigurare di continuo a vostro piacimento e senza neanche un secondo di stop all'attività aziendale.

Ti è piaciuto fino a qua l'articolo?

Prima di continuare nella lettura, seguici sulla nostra pagina Google+ cliccando il pulsante qui sotto!
In tal modo rimarrai aggiornato sulle strategie digitali non solo con i nostri articoli, ma anche con le migliori pubblicazioni che raccogliamo in giro per la rete.
Se poi vorrai premere anche il pulsante +1, ci aiuterai a diffondere l'articolo sul web.

 

Opportunità applicative

Fino adesso abbiamo parlato solo di abbattimento dei costi e aumento della qualità dei servizi, ma cosa c'è di nuovo dal punto di vista applicativo? Cioè cosa posso fare che prima non potevo?
La maggior parte delle persone associa il concetto di cloud al data storage distribuito, cioè alla conservazione di file in un posto centralizzato accessibile da diversi dispositivi.
In effetti questa è una funzionalità molto interessante, faccio le foto delle vacanze con il mio smartphone, torno a casa e senza doverlo collegare mi trovo già tutte le foto sul PC. Scelgo quelle che voglio tenere, scarto quelle brutte, magari elaboro quelle belle e poi senza dover collegare niente vado con il mio tablet dalla mamma e le faccio vedere le foto delle vacanze. Com'è possibile questa magia? Semplicemente le foto non si trovano sul dispositivo che le sta riproducendo, ma sono nel cloud, in una zona a noi riservata dove possono accedere tutti i nostri dispositivi.

Il cloud comupting può dare molto di più di così. Si divide in 3 tipologie:

  1. IaaS (Infrastructure as a Service): è sostanzialmente quello di cui abbiamo parlato finora e niente di più, il provider vi rende disponibile un'infrastruttura hardware (server, rete, dischi, ecc.) con un modello di pagamento a consumo. In questa categoria ricade ad esempio Aruba Cloud.
  2. PaaS (Platform as a Service): qui siamo un passo oltre l'IAAS, il provider oltre all'hardware mi mette a disposizione un piattaforma applicativa su cui sviluppare software, dandovi molte funzionalità che sarebbero assai complesse da sviluppare autonomamente. Ad esempio la comunicazione fra servizi, la replicazione dei dati, servizi di autenticazione, ecc. In questa categoria ricade Windows Azure.
  3. SaaS (Software as a Service): è il livello di astrazione massimo, il provider vi mette a disposizione applicazioni, a voi è nascosto sia l'hardware che c'è alla base, sia vi è preclusa la possibilità di sviluppare altre applicazioni. Ad esempio Microsoft vi offre Office 365, Adobe vi dà pieno accesso a tutti i suoi strumenti con la Creative Cloud, con Google Drive potete elaborare documenti, ecc.

Conclusioni

E' evidente ormai che non parliamo solo di condividere dati, ma di collaborare per crearli, di usare applicazioni e dialogare con dispositivi differenti.
Vediamo ad esempio un caso affrontato di recente da Idea R:

  1. Un vostro cliente usa il portale web per chiedervi assistenza.
  2. Il supervisore dell'assistenza tecnica vede nel suo applicativo aziendale che c'è bisogno di un intervento sul posto e decide di inviare un tecnico.
  3. Il tecnico riceve sul suo smartphone la scheda di intervento e il navigatore gli indica la strada più breve per raggiungere il cliente.
  4. Dopo l'intervento il cliente firma il rapporto di intervento direttamente sul tablet del tecnico.
  5. La sede centrale ha seguito passo passo l'evolversi dell'intervento ed è in grado di emettere fattura all'istante.
  6. Se l'intervento è stato particolarmente complesso, tutte le informazioni finiscono automaticamente nella knowledge base aziendale, in modo che ne benefici sia l'ufficio progettazione che potrà prevenire in futuro il problema, sia lo staff tecnico che saprà come intervenire se il problema si riproponesse.

Provate voi a replicare la struttura applicativa precedente facendo tutto in casa, garantendo l'h24 e con hardware di vostra proprietà... poi mi dite quanto è costato.

newsletter

Ti è piaciuto l'articolo?

Iscriviti alla nostra newsletter gratuita, in tal modo potrai restare aggiornato sulle strategie digitali.

You are the reader number 2,490.

Comments

comments powered by Disqus
Creative Commons License

Photographies, videos, graphics and texts by Idea R are licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

Previous article

Previous article

Case study: TAV Engineering, branding for B2B services

Next article

How ASP.NET can efficiently control the client cache

Next article
  • Visual Communication, Art DirectionVisual Communication, Art Direction
  • Apps, Cloud, Mobile, Software DesignApps, Cloud, Mobile, Software Design
  • Digital StrategiesDigital Strategies
  • BlogBlog
Touching finger
RSS feed
Blog

Scroll to top