Welcome to Idea R | Branding - Web Agency - Digital Strategies
Switch to the mobile layout

      Idea R - Plan your visual communication at 360°
  • HomeHome
  • About UsAbout Us
  • ContactsContacts

Blog

Take a software geek from the 80s, add a new generation graphic designer and dilute with a long time marketing strategist. Shake vigorously and you'll get the Idea R's blog.

Change language... italiano

You may be interested in

Case study: IED Open Day, building a font by hand... literally

Case study: IED Open Day, building a font by hand... literally

These days graphic design is mainly the result of software tools. Here's a case study where a brand is designed with glue and scissors

Reflections on the water with Photoshop

Here's a tutorial on how to obtain an image reflected on the water using Photoshop.

Last published

Can engineering industry sponsor art without going off topic?

Can engineering industry sponsor art without going off topic?

How to design a page in an exhibition catalog of Biennale in Venice, for a customer who apparently has nothing to do with art.

Milano Design Week 2017, Design Districts

Ventura Lambrate and Tortona, here are the best creations that we discovered in the 2 districts of the Fuorisalone Milan Design Week 2017.

Most popular

Lazy loading and the SEO problem, solved!

Lazy loading and the SEO problem, solved!

The best SEO solution to index your dynamically loaded contents, no more compromises!

Case study: TAV Engineering, branding for B2B services

How to create a brand that keeps distance from the cold and aseptic image of the metal industry, focusing instead on the human aspect.

Editor's pick

Mental marketing secret #1: the fake compromise

Mental marketing secret #1: the fake compromise

Can mentalism influence marketing? As a marketing professional and a long term magician, I will reveal you some tricks.

How to dramatically increase social media LIKEs to your web site

Here's a free download that I created some time ago. It's a good tool for increasing engagement, but use with caution.
newsletter

Stay informed on digital strategies

RSS feed

Cenni sul fotoritocco

Published on 8/10/2006
Cenni sul fotoritocco

La parola ritocco è definita nel dizionario della lingua italiana come apportare a qualcosa una variazione per correggere o abbellire. Non è mia intenzione trattare argomenti sull'etica del fotoritocco, molti fotografi ritengono che la vera e unica fotografia è quella che non deve e non può essere modificata. A costoro si potrebbe obiettare che qualsiasi opera d'arte subisce ritocchi e perfezionamenti dal proprio creatore, fino a quando quest'ultimo non decide che l'opera è compiuta. In realtà questa maldisposizione verso il fotoritocco è dovuta soprattutto al fatto che la fotografia è associata inconsciamente al giornalismo e dunque si ritiene abbia la responsabilità di rappresentare la realtà, seppur attraverso gli occhi del fotografo. Ma la fotografia non si limita solo a questo (per fortuna!), è indubbio che molti sono i campi della fotografia, artistico, editoriale, ecc... e molti di questi ricorrono al fotoritocco.

Proveremo ora a ritoccare assieme una fotografia (utilizzando Adobe Photoshop), con il doppio fine sia di eliminare alcuni difetti tecnici, sia per rendere più incisivo il soggetto. La persona ritratta infatti, essendo impiegata nel campo dello spettacolo (con la propria immagine si guadagna la pagnotta), ha richiesto anche alcuni interventi al fine di renderlo "ulteriormente interessante".
La foto da cui partiamo è quella sotto a sinistra, ma in questo mini-tutorial tralasceremo il lavoro che ho svolto in altre parti della foto e ci concentreremo solamente sulla zona del volto, cioè quella sotto a destra.

Negativo Negativo primo piano
Nei

Incominciamo ad eliminare i difetti più evidenti, ovvero le imperfezioni della pelle.

Molte sono le tecniche per poter ottenere una pelle priva di evidenti imperfezioni, ma per semplificare diciamo che gli interventi si dividono in due categorie, cioè

  • nascondere o
  • correggere

Per nascondere si usano effetti sfuocati selettivi oppure l'effetto flou, tanto amato nella fotografia di matrimonio. Per correggere invece si interviene con precisione per modificare le parti interessate.
Per decidere quale delle due "filosofie" seguire (niente vieta comunque di usare un mix di entrambe) mi baso sostanzialmente sul tipo di ritratto: in questo caso per esempio il "nascondere" non è adatto al risultato che voglio ottenere, infatti il soggetto è un cabarettista e il mio scopo è riuscire ad avere alla fine una foto accattivante ed incisiva; dunque l'ultima cosa che voglio fare è ammorbidirla.

Lo strumento ideale per nei e brufoli è il Pennello correttivo al volo: scegliendo un diametro grande giusto quanto l'imperfezione, si possono far sparire i difetti in un solo click.

Riflessi

Utilizzando con parsimonia lo strumento su zone più ampie, è possibile agire sui riflessi della pelle, dovuti magari all'illuminazione che ha acceso le parti più grasse.

Questa fase non è così semplice come la prima, una singola passata di solito non basta, infatti il Pennello correttivo al volo tenta di dedurre dalle zone circostanti l'area selezionata cosa poter utilizzare per mediare la zona di partenza con i contorni. Più la zona è grande più deve "inventare". Niente vieta di applicare più volte lo strumento, la prima volta alla zona più estesa, poi a piccole sezioni fino a riportare la selezione ad una uniformità cromatica. Purtroppo però, la maggior parte delle volte che si utilizza lo strumento su aree ampie, i risultati sono abbastanza scadenti.

In alcuni casi, per raggiungere un risultato migliore, può essere utile rendere meno evidenti le differenze tra la zona da correggere e quelle circostanti prima di utilizzare lo strumento Pennello correttivo al volo.
Nel nostro caso selezioniamo con lo strumento Lazo (quello a mano libera per intenderci) le zone più chiare, sfumiamo la selezione di 2-4 pixel ed infine abbassiamo leggermente la luminosità della zona con il comando Immagine > Regolazioni > Luminosità/contrasto.
In questa maniera otteniamo in corrispondenza dei riflessi, una tonalità della pelle più uniforme con il resto del viso e possiamo applicare più proficuamente lo strumento Pennello correttivo al volo.

Guancia

Per le zone da correggere più ampie, uno strumento che lavora in modo simile è la Toppa. Selezioniamo la zona del ritratto evidenziata in rosso e poi trasciniamo la selezione su una zona che assomiglia all'effetto finale che vogliamo ottenere: Photoshop medierà la zona di destinazione con quella di partenza, uniformando la selezione.

Occhiaie

Passiamo ora alla parte più difficile (e anche quella più gettonata), ovvero l'eliminazione delle rughe.
A farla da padrone è sempre il Pennello correttivo al volo.
In alcuni casi però, quando le rughe sono abbinate ad una zona più scura del volto, ad esempio le occhiaie, prima di procedere ad usare il pennello è meglio schiarire le zone, dopo averle sfumate appropriatamente. Si procede come prima, selezioniamo con lo strumento Lazo le zone scure, sfumiamo la selezione di 2-4 pixel e questa volta invece alziamo leggermente la luminosità della zona sempre con il comando Immagine > Regolazioni > Luminosità/contrasto.

Si noti però che non bisogna esagerare con l'eliminazione delle rughe, non possiamo trasformare la pelle di un quarantenne in quella del culetto di un neonato. Soprattutto nel caso degli uomini, evito accuratamente di eliminare le rughe espressive, queste infatti contribuiscono a rendere vissuto ed interessante uno sguardo. Ci vuole molta perizia nello scegliere cosa tenere e cosa eliminare, volendo sintetizzare in una frase: eliminate la vecchiaia ma mantenete l'espressività.

Pupille

Per dare più profondità allo sguardo, utilizziamo ora lo strumento Contrasta sulle pupille e lo strumento Scherma per accentuare il bianco del bulbo oculare. Lo strumento Scherma può essere utilizzato anche sui denti per sbiancarli.

Il risultato finale lo potete vedere qui sotto, la foto a sinistra è quella "prima della cura", mentre a destra trovate quella "dopo la cura". A mio avviso è stata aumentata l'incisività della foto, il soggetto è stato reso più interessante (lo era comunque già prima del fotoritocco), senza per questo averne completamente trasformato i lineamenti.
Prima Dopo
Livelli

Arrivare a sapere quando è il momento di fermarsi non è facile, le prime volte si tende ad esagerare, soprattutto se si perde di vista lo scatto di partenza.
A tal proposito vi consiglio, prima di iniziare il fotoritocco, di duplicare il livello originale ed operare solo sul duplicato: in questa maniera con un solo click potrete nascondere il livello modificato e "sbirciare" la foto originale.

Qual è un sistema per sapere se il fotoritocco è stato eccessivo?
Provate a fare questo, dopo aver completato l'elaborazione, fate vedere la foto per la prima volta alla persona ritratta: se egli stesso non noterà niente, cioè penserà sinceramente che non c'è stata alcuna elaborazione, allora il fotoritocco è stato appropriato; se però pronuncerà frasi del tipo "Hei, sembro di 10 anni più giovane!", allora vuol dire che gliene avete tolti minimo 20 di anni e dunque avete esagerato.

Vuoi vedere altre foto?

Oltre alle foto che vedi un questo articolo ne abbiamo tantissime altre.
Visita la nostra pagina Pinterest cliccando il pulsante qui sotto e poi seguici per rimanere sempre aggiornato!

You are the reader number 4,186.

Comments

comments powered by Disqus
Creative Commons License

Photographies, videos, graphics and texts by Idea R are licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

Previous article

Previous article

Painting with the light

Next article

Venice - The libertine carnival

Next article
  • Visual Communication, Art DirectionVisual Communication, Art Direction
  • Apps, Cloud, Mobile, Software DesignApps, Cloud, Mobile, Software Design
  • Digital StrategiesDigital Strategies
  • BlogBlog
Touching finger
RSS feed
Blog

Scroll to top