Welcome to Idea R | Branding - Web Agency - Digital Strategies
Switch to the mobile layout

      Idea R - Do your competitors are always ahead? - Raise your voice with web marketing!
  • HomeHome
  • About UsAbout Us
  • ContactsContacts

Blog

Take a software geek from the 80s, add a new generation graphic designer and dilute with a long time marketing strategist. Shake vigorously and you'll get the Idea R's blog.

Change language... italiano

You may be interested in

7 steps to find your most profitable keywords

7 steps to find your most profitable keywords

Keywords what a big headache! Here're some tricks and a little secret to find your most rewarding ones.

Tracking Facebook likes with Google Analytics, the real solution!

How to monior Facebook interaction of your customers and analyze their impact on your conversions

Last published

Milano Design Week 2017, Design Districts

Milano Design Week 2017, Design Districts

Ventura Lambrate and Tortona, here are the best creations that we discovered in the 2 districts of the Fuorisalone Milan Design Week 2017.

How to design a FAKE B2C brand for a real B2B service

Interesting case study where to advertise B2B services we created a fake B2C product in a guerrilla marketing campaign.

Most popular

Lazy loading and the SEO problem, solved!

Lazy loading and the SEO problem, solved!

The best SEO solution to index your dynamically loaded contents, no more compromises!

Case study: TAV Engineering, branding for B2B services

How to create a brand that keeps distance from the cold and aseptic image of the metal industry, focusing instead on the human aspect.

Editor's pick

Mental marketing secret #1: the fake compromise

Mental marketing secret #1: the fake compromise

Can mentalism influence marketing? As a marketing professional and a long term magician, I will reveal you some tricks.

How to dramatically increase social media LIKEs to your web site

Here's a free download that I created some time ago. It's a good tool for increasing engagement, but use with caution.
newsletter

Stay informed on digital strategies

My reviews on the subject...

Really well written, by one of the Google Analytics creators, Advanced Web Metrics with Google Analytics is a complete guids on the web analysis topic.

Do you have to build a landing page? Which are the best strategies? How to get the resources? Hot to measure the success and the ROI? Landing Page Optimization is the book to read, but I warn you that being this book a complete reference, sometimes especially when it comes to statistics, it becomes a little bit "hard" to read.

RSS feed

Web Analysis: off site/on site, qual è la migliore?

Published on 10/15/2012
Web Analysis: off site/on site, qual è la migliore?

Le tecnologie atte a raccogliere informazioni sui visitatori di un sito Internet si dividono in due categorie: on site e off site.
Le prime prevedono la raccolta delle informazioni lato client, cioè direttamente sul browser del visitatore, inserendo degli appositi script direttamente nelle pagine del sito web (Google Analytics ad esempio). Le metodologie off site invece sono implementate lato server, sono tipicamente i servizi di statistiche offerte direttamente dagli ISP (Internet Service Provider).

Ho raccolto nella tabella seguente una comparazione dei pro e contro di entrambe le tecnologie.

Caratteristica Metodi ON SITE Metodi OFF SITE
Installazione Per il corretto funzionamento ogni pagina deve avere gli apposti script e tag; nei siti di grandi dimensioni questo spesso porta ad errori e dimenticanze. Di recente Google per ovviare alla complessità della gestione dei tag ha rilasciato lo strumento gratuito Google Tag Manager. Bisogna installare sul server il programma di monitoraggio e raccolta dati (il servizio di solito è fornito dagli ISP).
Cache e Proxy Quando la pagina che il visitatore richiede si trova già nella cache del browser oppure viene scaricata da un server proxy, viene comunque conteggiata poiché viene eseguito lo script di monitoraggio che si trova sulla pagina stessa. Il server non si accorge che la pagina viene scaricata e di conseguenza non è in grado di conteggiarla.
Eventi E' possibile tracciare eventi di infiniti tipi, ad esempio visualizzazioni video, flash, l'inserimento di un prodotto nel carrello, campagne pubblicitarie, ecc. Non si possono tracciare le attività complesse di un sito che vanno oltre la semplice visita di una pagina: come caso limite, se il sito fosse un'unica pagina AJAX altamente interattiva, con il monitoraggio lato server si vedrebbe solamente la visita della pagina e niente altro.
Manutenzione Gli aggiornamenti del software e la gestione dei dati sono a carico del fornitore del servizio (Google ad esempio). Gli aggiornamenti software vanno installati sul server e bisogna provvedere ad un database per raccogliere tutti i dati di monitoraggio.
Download I download di solito vengono tracciati come eventi, ma si può solo tracciare l'inizio del download (che scatena appunto l'evento), non si ha modo di sapere se è andato a buon termine. Il download completati vengono tracciati con precisione, inclusa la velocità con cui sono avvenuti.
Spider dei motori di ricerca Poiché gli spider dei motori di ricerca quando analizzano i siti Internet non eseguono gli script, questi non vengono giustamente conteggiati come visitatori. Gli spider che analizzano i nostri siti sono migliaia, non sono solo quelli dei motori di ricerca, ma anche quelli che cercano indirizzi email, comparano i prezzi, indicizzano i video, analizzano le performance SEO, ecc. Poiché le tecnologie lato server non riescono a filtrarli (ne nascono di nuovi ogni giorno), ciò porta inevitabilmente ad un conteggio che di gran lunga è oltre il reale.
Dati storici La reportistica viene costruita in tempo reale e mantenuta per un tempo limitato (un paio di anni di solito). Non solo dunque non è possibile consultare dati molto vecchi, ma non è possibile nemmeno rigenerare i report esistenti. I dati sono gestiti sul vostro server, dunque potete disporne come volete. Se desiderate cambiare o aggiungere un report, potete tranquillamente riprocessare i dati.
Firewall Impostazioni particolarmente restrittive potrebbero bloccare l'invio dei dati di monitoraggio ai siti Google. Poiché i dati di monitoraggio sono raccolti alla fonte, i firewall non hanno nessun effetto.
Cookie e script Impostazioni restrittive sui browser, che non eseguono gli script e/o disabilitano i cookie, impediscono il conteggio delle visite.
Google Analytics usa i first party cookie che di solito hanno meno restrizioni sui browser.
Poiché i dati di monitoraggio sono raccolti alla fonte, le impostazioni del browser sono irrilevanti.
Nuovi visitatori I visitatori che ritornano sul sito vengono individuati grazie ai cookie salvati sul loro disco. I cookie permettono inoltre di distinguere utenti differenti che condividono lo stesso PC/dispositivo. I visitatori che ritornano sul sito vengono riconosciuti tramite il loro indirizzo IP: il problema è che questa cosa funzionerebbe se tutti avessero un unico indirizzo IP che non cambia mai, in realtà la maggior parte dei visitatori ha un indirizzo IP assegnato dinamicamente dal provider delle telecomunicazioni. Inoltre, anche se il sistema funzionasse, non conterebbe realmente i visitatori unici, ma i dispositivi unici (due utenti diversi che condividono lo stesso PC, vengono contati come un unico visitatore).
Sicureza Poiché il codice di monitoraggio è in chiaro su ogni pagina, se non si usano le opportune precauzioni, potrebbe essere copiato ed utilizzato da altri (qualcuno potrebbe falsare i vostri risultati). Tutto il software di monitoraggio è al sicuro sul server.
Monitoraggio degli obiettivi Il monitoraggio delle visite è solo la parte iniziale, molto più importante è monitorare gli obiettivi (la vendita on line ad esempio) e i percorsi che hanno portato al loro raggiungimento. Solo così si possono studiare strategie di marketing. Immaginate un utente che vede una vostro banner on line e viene a farvi visita, poi dopo due giorni riceve una email pubblicitaria e vi fa visita una seconda volta e si salva il vostro indirizzo. Dopo una settimana ritorna sul vostro sito e acquista un prodotto. Una situazione come questa (funnel in termine tecnico) con le tecnologie lato server non è monitorabile.

Conclusioni

Oggi tecnologia ha i suoi pro e contro, non è possibile dire quale sia meglio in assoluto, di fatto le tecnologie on site (Google Analytics ad esempio) sono le più utilizzate.
Dal mio punto di vista la possibilità che offrono i metodi on site di monitorare e pianificare le strategie di marketing tramite goal e funnel è impagabile.
Vi ricordo infine che qualsiasi tecnologia scegliate, i conteggi vanno presi con le pinze, non bisogna cioè considerarli precisi (non lo sono) ma analizzati in relazione alle tendenze dei dati (visite in crescita, vendite in calo, ecc.).

See also

Misurare la pubblicità: Google Analytics contro Google AdWords

Google Analytics mette a disposizione due sistemi di misurazione, gli obiettivi e le transazioni. Poi c'è Google AdWords. Quale usare?

Google Tag Manager: come non affogare negli script

Dovete distribuire su migliaia di pagine i vostri tag di conversione AdWords, i tag dei goal di Analytics, script per il tracking dei banner, ecc.?

You are the reader number 2,084.

Comments

comments powered by Disqus
Creative Commons License

Photographies, videos, graphics and texts by Idea R are licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

Previous article

Previous article

Infographic: the Social Media history

Next article

Google Tag Manager: stop sinking into scripts

Next article
  • Visual Communication, Art DirectionVisual Communication, Art Direction
  • Apps, Cloud, Mobile, Software DesignApps, Cloud, Mobile, Software Design
  • Digital StrategiesDigital Strategies
  • BlogBlog
Touching finger
RSS feed
Blog

Scroll to top