Welcome to Idea R | Branding - Web Agency - Digital Strategies
Switch to the mobile layout

      Idea R - Do your competitors are always ahead? - Raise your voice with web marketing!
  • HomeHome
  • About UsAbout Us
  • ContactsContacts

Blog

Take a software geek from the 80s, add a new generation graphic designer and dilute with a long time marketing strategist. Shake vigorously and you'll get the Idea R's blog.

Change language... italiano

You may be interested in

Tracking Facebook likes with Google Analytics, the real solution!

Tracking Facebook likes with Google Analytics, the real solution!

How to monior Facebook interaction of your customers and analyze their impact on your conversions

Google Tag Manager: stop sinking into scripts

Do you have to spread over thousands of pages your AdWords conversion tags, Analytics goal tags, campaign tracking scripts, etc.?

Last published

Milano Design Week 2017, Design Districts

Milano Design Week 2017, Design Districts

Ventura Lambrate and Tortona, here are the best creations that we discovered in the 2 districts of the Fuorisalone Milan Design Week 2017.

How to design a FAKE B2C brand for a real B2B service

Interesting case study where to advertise B2B services we created a fake B2C product in a guerrilla marketing campaign.

Most popular

Lazy loading and the SEO problem, solved!

Lazy loading and the SEO problem, solved!

The best SEO solution to index your dynamically loaded contents, no more compromises!

Case study: IED Open Day, building a font by hand... literally

These days graphic design is mainly the result of software tools. Here's a case study where a brand is designed with glue and scissors

Editor's pick

Mental marketing secret #1: the fake compromise

Mental marketing secret #1: the fake compromise

Can mentalism influence marketing? As a marketing professional and a long term magician, I will reveal you some tricks.

How to dramatically increase social media LIKEs to your web site

Here's a free download that I created some time ago. It's a good tool for increasing engagement, but use with caution.
newsletter

Stay informed on digital strategies

My reviews on the subject...

Really well written, by one of the Google Analytics creators, Advanced Web Metrics with Google Analytics is a complete guids on the web analysis topic.

Do you have to build a landing page? Which are the best strategies? How to get the resources? Hot to measure the success and the ROI? Landing Page Optimization is the book to read, but I warn you that being this book a complete reference, sometimes especially when it comes to statistics, it becomes a little bit "hard" to read.

RSS feed

7 passi per trovare le tue parole chiave più redditizie

7 passi per trovare le tue parole chiave più redditizie

In questo articolo vedremo, partendo da zero, quali sono i passi da percorrere per arrivare alle vostre parole chiave, ovvero quelle da utilizzare nel vostro sito web, nel vostro blog o nelle campagne pubblicitarie in Internet.
Vi farò vedere come trovare non solo quelle che descrivono meglio i vostri prodotti, ma soprattutto quelle che vi daranno un maggiore ritorno di investimento.
Vi svelerò infine anche un piccolo segreto, vi insegnerò a trovare alcune parole chiave che spesso sono trascurate dalla concorrenza e che invece generano cospicui guadagni.

Iniziamo! Detto in poche parole, tutto si riduce a riuscire a rispondere alla seguente domanda:

Come mi cercherebbero su Google le persone fortemente interessate ai miei prodotti/servizi?

Vedremo come dare la corretta risposta alla precedente domanda è tutt'altro che banale.

1. Segmenta i tuoi stakeholder

Questo è il tuo punto di partenza, al termine di questo primo passo dovresti trovarti con moltissime parole chiave, ti insegnerò in seguito come eliminare quelle superflue.
Innanzitutto dividi i tuoi prodotti (o servizi) e pensa a tutte le parole con cui gli altri potrebbero cercare ognuno di essi.
Quando hai terminato, inizia a segmentare i tuoi stakeholder, ovvero devi pensare a tutte le tipologie di persone che potrebbero avere bisogno dei tuoi prodotti e capire con quali parole ti cercherebbero.

  • Persone di età differente.
  • Livelli di cultura differenti.
  • Stili di vita differenti.
  • Usi differenti dello stesso prodotto.

Analizziamo ad esempio l'ultimo caso. Se tu vendessi trapani, questi potrebbero essere utilizzati sia dai professionisti che dai principianti. Nel primo caso le parole chiave potrebbero riguardare gli impieghi professionali (cantieri, officine, ecc.), nel secondo caso l'utente sarebbe più sensibile alle tematiche legate al bricolage ed al fai-da-te. Non fermarti al primo livello di segmentazione, continua a segmentare fino a che non ce la fai proprio più. Ad esempio anche il suddetto utilizzo professionale del trapano potrebbe essere segmentato: edilizia, falegnameria, carpenteria, ecc. Forse, anzi molto probabilmente, il muratore e il falegname utilizzano parole chiave differenti per cercarti.

Ti segnalo un articolo che approfondisce questa tematica: I 3 aspetti da segmentare per una campagna SEM di successo.

2. Non fare tutto da solo

A nessuno si chiede di fare colazione mangiando dizionari dei sinonimi. Quasi mai le parole che useresti tu, sono le stesse che usano gli altri.
Consultati con il tuo staff, chiedi l'opinione a persone di diversa formazione culturale e soprattutto parla con i tuoi clienti.
Infine in Internet ci sono moltissimi strumenti, spesso gratuiti. Ad esempio eccotene alcuni:

Google Trends
Analisi delle parole più usate al mondo basate sui dati storici di Google.
Strumento per le Parole Chiave di AdWords
Lo strumento più famoso in assoluto, descrivi al meglio la tua attività e Google ti suggerirà come potresti farti trovare.
Google Correlate
Inserisci le tue parole chiave e Google ti mostra tutte le ricerche correlate.

3. Attento alle terminologie... degli altri

Dovresti avere ormai un bel po' di parole chiave, fermati però un attimo e considera il livello di conoscenza della materia che hanno i tuoi potenziali clienti, non pensare che siano tutti laureati in lettere o ingegneri. Mi è capitato più di una volta scoprire che le parole chiave utilizzate dagli utenti erano tecnicamente non corrette se non addirittura grammaticalmente errate. Poco importa se il tuo prodotto si chiama "trapano", se tutti gli altri per assurdo lo chiamassero "foratore" o "trappano", non dovresti trascurare queste parole.

4. I tuoi clienti spesso cercano soluzioni, non strumenti

Siamo arrivati al mio piccolo segreto, ti svelerò fra pochi istanti come trovare le parole che probabilmente ti faranno superare la concorrenza.

Basandoti sulle tue conoscenze, sulle opinioni di altri, su strumenti software e infine pensando anche ai nomi impropri, dovresti avere un bell'elenco di parole chiave.
Non hai però ancora terminato, ora è il momento di cambiare prospettiva.
Quello che ti dirò adesso viene molto spesso trascurato ed è invece la chiave del successo.

Chi compra un trapano in realtà non aveva bisogno di un trapano, ma di un buco.

La frase precedente sembra una battuta, ma molte delle campagne di web marketing che ho supervisionato, hanno ottenuto ottimi risultati proprio grazie a questa frase.
Hai capito cosa intendo?
I potenziali clienti dei tuoi prodotti/servizi spesso cercano soluzioni a problemi, arrivano solo in un secondo momento allo strumento che li aiuterà a risolverli.
Questo significa che oltre a cercarti con frasi del tipo

Qual è il migliore trapano in commercio?

...molti potrebbero anche non citare nemmeno i trapani, potrebbero invece chiedere

Come si fa a fare un buco nel cemento armato?

Ti è piaciuto fino a qua l'articolo?

Prima di continuare nella lettura, seguici sulla nostra pagina Google+ cliccando il pulsante qui sotto!
In tal modo rimarrai aggiornato sulle strategie digitali non solo con i nostri articoli, ma anche con le migliori pubblicazioni che raccogliamo in giro per la rete.
Se poi vorrai premere anche il pulsante +1, ci aiuterai a diffondere l'articolo sul web.

 

5. Misura il tuo sito web

Ti ricordi la domanda che ci eravamo posti all'inizio di questo articolo?

Come mi cercherebbero su Google le persone fortemente interessate ai miei prodotti/servizi?

Il trucco per guadagnare contenendo le spese è quel "fortemente". Cioè tu non vuoi tutti i possibili visitatori che potrebbe portarti Internet, devi puntare solo a quelli "fortemente interessati", poiché sono quest'ultimi quelli che hanno statisticamente le maggiori probabilità di diventare tuoi clienti.

Il bello del web marketing rispetto alla pubblicità tradizionale è la misurabilità: in ogni momento è possibile scoprire quali sono le campagne che funzionano meglio e fra queste quali sono quelle che costano meno. La misurabilità del tuo sito è essenziale per contenere il budget. Dopo aver percorso i passi precedenti, ti troverai ora ad avere moltissime parole chiave, troppe. Non avrebbe senso investire denaro su tutte.
Per capire dove investire il tuo budget devi assolutamente mettere in piedi un sistema di web analytics, il più famoso di tutti è ovviamente Google Analytics.
La materia non è proprio semplicissima, se dovessi consigliarti un libro, secondo me il migliore è Advanced Web Metrics with Google Analytics: scritto da uno dei creatori di Google Analytics è uno dei libri più completi che abbia letto sull'argomento.

Brevemente, i parametri che devi monitorare sono la Convertion Rate e il ROI (ritorno di investimento).
Il primo parametro ti dirà quali sono le parole che ti portano più conversioni, dove per conversione si intende il tuo obiettivo finale: vendere il prodotto, ottenere nuovi contatti, avere iscritti alla propria newsletter, ecc.
L'analisi della convertion rate ti permette di eliminare tutte le parole chiave che convertono poco, dando un bel taglio alle spese. Ricorda infatti che tu non stai cercando visitatori al tuo sito, stai cercando clienti ovvero visitatori che poi convertono.

Se vuoi limitare ulteriormente il budget pubblicitario, allora devi analizzare anche il secondo parametro: non tutte le conversioni hanno lo stesso valore. Magari potresti scoprire che una particolare linea dei tuoi trapani vende di più in Internet. Per accorgertene devi analizzare il ROI, cioè determinare per ogni parola chiave e per ogni euro che investi, quanti euro guadagni.

Ti segnalo anche un altro articolo che ho scritto, Misurare la pubblicità: Google Analytics contro Google AdWords.

6. Sfrutta le opportunità del mercato globale

Se stai pensando di estendere la tua pubblicità in tutto il mondo, il tuo budget potrebbe essere insufficiente.
Ti segnalo un bellissimo strumento gratuito da cui iniziare a ragionare: Google Global Market Finder.
Il funzionamento è semplicissimo, inserisci le tue parole chiave e Google ti dirà dove nel mondo potresti avere maggiori opportunità. Le opportunità crescono dove c'è più richiesta, però calano dove c'è maggiore concorrenza.

Dopo la fatica di aver tradotto il tuo sito in tedesco, potresti magari scoprire che i tuoi trapani hanno maggiori opportunità in Austria invece che in Germania. Perché non iniziare da lì allora?

7. Raddoppia la tua comunicazione

Il secondo grande vantaggio della comunicazione sul web, dopo la misurabilità, è la possibilità di testare in parallelo.
Quando devi creare un annuncio su Google AdWords, fanne sempre almeno due. Dopo un po' di tempo vai a guardare quale dei due annunci ha funzionato meglio (ricordi la convertion rate ed il ROI?), elimina il perdente e crea un nuovo annuncio da mettere in gara contro il vincitore.

La stessa cosa io la faccio anche dal lato del sito web: cioè metto in competizione più versioni della stessa landing page (la pagina del tuo sito dove arrivano i visitatori) e vedo quale comunica meglio, quale mi fa vendere di più. Fare quest'ultima cosa è un po' più complesso, bisogna usare strumenti che fanno A/B/N test o nei casi più complessi anche test multivariati. Qui andiamo un po' fuori argomento, ma se vuoi approfondire la tematica ti consiglio il libro Landing Page Optimization: ti avverto è un libro complesso che tratta di statistica, preparati a grandi sbadigli, ma se vuoi conoscere la materia è uno dei migliori.

Conclusioni

Le parole chiave, che grande mal di testa!
Probabilmente fra un po' di anni saranno solo un brutto ricordo, quando i motori di ricerca avranno elevate capacità semantiche, riusciranno a capire con precisione quello che cercate indipendentemente da come glielo chiedete. Nell'attesa che questo avvenga, purtroppo oggi dobbiamo essere allo stesso tempo copywriter, SEO specialist, esperti di marketing, psicologi e pure mentalisti.

  1. Raccogli il maggior numero di parole chiave che riesci, affidati alle tue conoscenze della materia, segmenta i tuoi stakeholder, ascolta gli altri e usa più punti di vista.
  2. Metti in piedi un sistema di misurazione, questo ti consentirà di contenere i costi limitando la pubblicità solo alle parole chiave più redditizie.
  3. Infine non accontentarti dei primi successi, testa i tuoi annunci, mettili in competizione con altri annunci e ripeti questo "gioco" a ciclo continuo.

Ti è stato utile l'articolo?

Condividilo allora con i tuoi amici su Google+!
A te basta solamente cliccare il pulsante qui sotto, ma a noi farai un enorme favore.

 

You are the reader number 3,919.

Comments

comments powered by Disqus
Creative Commons License

Photographies, videos, graphics and texts by Idea R are licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

Previous article

Previous article

Milano Design Week 2014, Design Districts

Next article

IBM, the smallest video of the world

Next article
  • Visual Communication, Art DirectionVisual Communication, Art Direction
  • Apps, Cloud, Mobile, Software DesignApps, Cloud, Mobile, Software Design
  • Digital StrategiesDigital Strategies
  • BlogBlog
Touching finger
RSS feed
Blog

Scroll to top