Welcome to Idea R | Branding - Web Agency - Digital Strategies
Switch to the mobile layout

      Idea R - Bring out your brand - Web Marketing strategies
  • HomeHome
  • About UsAbout Us
  • ContactsContacts

Blog

Take a software geek from the 80s, add a new generation graphic designer and dilute with a long time marketing strategist. Shake vigorously and you'll get the Idea R's blog.

Change language... italiano

You may be interested in

Case study: TAV Engineering, branding for B2B services

Case study: TAV Engineering, branding for B2B services

How to create a brand that keeps distance from the cold and aseptic image of the metal industry, focusing instead on the human aspect.

Case study: branding Idea R

How a web agency/branding agency corporate identity was designed from scratch.

Last published

Milano Design Week 2017, Design Districts

Milano Design Week 2017, Design Districts

Ventura Lambrate and Tortona, here are the best creations that we discovered in the 2 districts of the Fuorisalone Milan Design Week 2017.

How to design a FAKE B2C brand for a real B2B service

Interesting case study where to advertise B2B services we created a fake B2C product in a guerrilla marketing campaign.

Most popular

Lazy loading and the SEO problem, solved!

Lazy loading and the SEO problem, solved!

The best SEO solution to index your dynamically loaded contents, no more compromises!

Case study: IED Open Day, building a font by hand... literally

These days graphic design is mainly the result of software tools. Here's a case study where a brand is designed with glue and scissors

Editor's pick

Mental marketing secret #1: the fake compromise

Mental marketing secret #1: the fake compromise

Can mentalism influence marketing? As a marketing professional and a long term magician, I will reveal you some tricks.

How to dramatically increase social media LIKEs to your web site

Here's a free download that I created some time ago. It's a good tool for increasing engagement, but use with caution.
newsletter

Stay informed on digital strategies

My reviews on the subject...

On the topic branding and logos I have whole shelves of my library, it is difficult to advise. Interesting are Brand Indentity Essentials: 100 Principles for Designing Logos and Buidling Brands: 100 Principles for Designing Logos and Brands and Go Logo!.

Regarding reference books that simply collect logos to provide inspiration, there are thousands, the choice is vast. Among the most famous the collection Logo Design.

RSS feed

Caso di studio: branding Serendipity, analisi della concorrenza (fase 1)

Published on 10/29/2012
Caso di studio: branding Serendipity, analisi della concorrenza (fase 1)

Serendipity è il nuovo progetto pedagogico della Casa Circondariale di San Vittore, un brand ombrello che racchiude sotto un'unica direzione tutte le attività formative e rieducative dei detenuti.
Il progetto di branding è particolarmente interessante poiché pieno di trappole: l'argomento carcere è scomodo, la società tende a erigere muri, dimenticare e separare il dentro dal fuori.

La promozione di nuovi percorsi di inclusione sociale è certamente l’obiettivo primario, ma non l’unico: altrettanto importante è documentare ciò che accade quando la cultura entra nel carcere, cancellando i cliché che vedono il carcere come discarica sociale. Mostrarsi “all’esterno” è il primo passo verso la sensibilizzazione, rendere partecipi tutti dei sorprendenti progressi rieducativi è un incentivo alla solidarietà pubblica e privata.
Per raggiungere questi obiettivi Serendipity non ha bisogno solamente di aiuti economici, ma anche di oggetti, alle volte i più elementari e scontati.

Vi propongo in questo caso di studio il progetto che abbiamo intrapreso per 1 anno sotto il patrocinio dell'Istituto Europeo del Design: seguiremo assieme tutto il percorso dall'analisi della concorrenza, all'analisi semiotica, al brief fino ad arrivare alla fine alla stesura di un brand manual, un progetto web e una campagna pubblicitaria.

Fase 1.1: schedatura della concorrenza

Il primo passo è stato quello di analizzare tutte le altre realtà rieducative italiane (e non solo) che si proponevano all'esterno delle mura carcerarie. Abbiamo in poche parole studiato la "concorrenza".
Per fare ciò abbiamo prodotto una serie di schede, ve ne propongo solo alcune a titolo di esempio.

Al Cappoine

Dolci Libertà

Haeftling

Voci Erranti

Le schede, utilizzando poche immagini, riassumono la visual communication del concorrente.
La realtà è molto vasta, si spazia dalla pasticceria alla produzione agroalimentare, dalla moda alle attività culturali.
La parte della scheda in alto a sinistra riporta sinteticamente gli elementi grafici della comunicazione.
La parte in alto a destra trasmette il mood della comunicazione, che come si può notare spazia da quella allegra e sdrammatizzata a quella seria e "dura".
L'iconografia sulla parte bassa della scheda riassume da sinistra a destra:

  • le categorie merceologiche
  • il tipo di clientela (B2B o B2C)
  • i colori (grafica colorata o bianco e nero)
  • gli elementi grafici (fotografia, illustrazioni o elementi tipografici)
  • l'argomento carcere è messo in evidenza o se viene volutamente tenuto in secondo piano
  • se il mood è serioso o allegro.

Fase 1.2: infografiche comparative

Dopo questa schedatura si è proceduto a creare 4 infografiche riassuntive che mettessero in relazione tra loro tutti i concorrenti.
La prima propone una suddivisione merceologica.

Categorie merceologiche

La seconda offre una panoramica dei target a cui si rivolgono i concorrenti.

Target

La terza espone l'utilizzo degli elementi grafici.

Grafica

La quarta e ultima pone su un piano cartesiano il mood della comunicazione ovvero carcere/non carcere e serio/allegro.

Mood

Fase 1.3: lifestyle

Definire il target della comunicazione oggi è un'impresa talmente assurda, che la parola target è quasi scomparsa dai manuali di marketing. Questo è dovuto al fatto che il concetto di classe sociale è scomparso e il pubblico è assolutamente trasversale: c'è chi spende poco in abbigliamento, ma magari si compra lo smartphone di punta. Per questo oggi si parla più di lifestyle, si tende cioè ad analizzare il proprio mercato di riferimento basandosi sugli stili di vita, piuttosto che sulla scolarizzazione o sul livello di benessere.
Come ultimo passo abbiamo creato delle schede dei concorrenti tentando di tracciare appunto il lifestyle del pubblico di riferimento. Eccone un esempio.

Lifestyle

Nel prossimo articolo analizzeremo i codici semiotici che vengono utilizzati più o meno consciamente nella comunicazione/narrazione.

Ti è piaciuta la realizzazione di questo progetto?

Vieni a vedere tutte le immagini su Behance cliccando il pulsante qui sotto!
Se poi decidi di segnalare il tuo apprezzamento al progetto, ci aiuterai a farlo conoscere in rete.

Idea R on Behance

See also

Caso di studio: branding Serendipity, campagna pubblicitaria (fase 6)

Eccoci arrivati alla fase conclusiva del progetto, ci viene richiesto di creare una campagna di affissioni per il progetto pedagogico Serendipity.

Caso di studio: branding Serendipity, web design (fase 5)

Dopo aver redatto il brand manual troviamo una maniera efficace di farci conoscere attraverso il web.

Caso di studio: branding Serendipity, graphic design (fase 4)

Conclusa tutta la fase di analisi e della redazione del brief, passiamo a realizzare il brand.

Caso di studio: branding Serendipity, brief (fase 3)

Dopo l'analisi semiotica siamo ora pronti ad affrontare il brief ovvero lo sviluppo delle linee strategiche della comunicazione.

Caso di studio: branding Serendipity, analisi semiotica (fase 2)

Quali sono i segni e i codici che generano il processo di significazione del brand e come possiamo usarli a nostro vantaggio?

You are the reader number 2,736.

Comments

comments powered by Disqus
Creative Commons License

Photographies, videos, graphics and texts by Idea R are licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

Previous article

Previous article

3 methods to detect mobile devices in ASP.NET

Next article

Infographic: the Social Media history

Next article
  • Visual Communication, Art DirectionVisual Communication, Art Direction
  • Apps, Cloud, Mobile, Software DesignApps, Cloud, Mobile, Software Design
  • Digital StrategiesDigital Strategies
  • BlogBlog
Touching finger
RSS feed
Blog

Scroll to top