Welcome to Idea R | Branding - Web Agency - Digital Strategies
Switch to the mobile layout

      Idea R - Do others know who you are? Design your corporate identity
  • HomeHome
  • About UsAbout Us
  • ContactsContacts

Blog

Take a software geek from the 80s, add a new generation graphic designer and dilute with a long time marketing strategist. Shake vigorously and you'll get the Idea R's blog.

Change language... italiano

You may be interested in

Case study: TAV Engineering, branding for B2B services

Case study: TAV Engineering, branding for B2B services

How to create a brand that keeps distance from the cold and aseptic image of the metal industry, focusing instead on the human aspect.

Last published

How to design a FAKE B2C brand for a real B2B service

How to design a FAKE B2C brand for a real B2B service

Interesting case study where to advertise B2B services we created a fake B2C product in a guerrilla marketing campaign.

Irritated by your blog performance? Boost it using the cloud!

Are you using the world's fastest hosting? If you have a bad architecture, your blog won't have a great performance. Here is the ultimate solution.

Most popular

Lazy loading and the SEO problem, solved!

Lazy loading and the SEO problem, solved!

The best SEO solution to index your dynamically loaded contents, no more compromises!

Case study: IED Open Day, building a font by hand... literally

These days graphic design is mainly the result of software tools. Here's a case study where a brand is designed with glue and scissors

Editor's pick

Mental marketing secret #1: the fake compromise

Mental marketing secret #1: the fake compromise

Can mentalism influence marketing? As a marketing professional and a long term magician, I will reveal you some tricks.

How to dramatically increase social media LIKEs to your web site

Here's a free download that I created some time ago. It's a good tool for increasing engagement, but use with caution.
newsletter

Stay informed on digital strategies

My reviews on the subject...

On the topic branding and logos I have whole shelves of my library, it is difficult to advise. Interesting are Brand Indentity Essentials: 100 Principles for Designing Logos and Buidling Brands: 100 Principles for Designing Logos and Brands and Go Logo!.

Regarding reference books that simply collect logos to provide inspiration, there are thousands, the choice is vast. Among the most famous the collection Logo Design.

RSS feed

Caso di studio: branding Serendipity, brief (fase 3)

Published on 11/1/2012
Caso di studio: branding Serendipity, brief (fase 3)

Serendipity è il nuovo progetto pedagogico della Casa Circondariale di San Vittore, un brand ombrello che racchiude sotto un'unica direzione tutte le attività formative e rieducative dei detenuti.

Dopo l'analisi semiotica siamo ora pronti ad affrontare il brief ovvero redigere quel documento che sarà la base di partenza per lo sviluppo delle linee strategiche della comunicazione:

  • Cosa dobbiamo comunicare?
  • Qual è l'immagine del brand nella mente dei consumatori (vedi anche l'analisi semiotica)?
  • Quale linguaggio useremo e con che tono?
  • Che personalità ha il cliente?
  • Che personalità ha il prodotto?
  • I concorrenti che linguaggio usano?
  • Cosa si deve assolutamente comunicare e cosa invece evitare?
  • Con quali strumenti diffondere la comunicazione?

Fase 3.1: SWOT analysis

L’analisi SWOT è una metodologia usata per individuare i Punti di forza (Strenghths), i Punti di Debolezza (Weaknesses), le Opportunità (Opportunities) e le Minacce possibili (Threaths).

SWOT Analysis

Fase 3.2: Vision

Istituzionalità dell’agenzia che promuove attività culturali come riabilitazione coinvolgendo istituzioni ed enti esterni.

Fase 3.3: Mission

Rafforzare la credibilità tramite una campagna sociale.
Porre ordine raggruppando tutte le attività culturali e rieducative sotto un’unica direzione artistica.

Fase 3.4: Pubblico

Chi è il pubblico a cui ci rivolgiamo?

Pubblico

Fase 3.5: Obiettivi

Quali sono gli obiettivi che ci prefiggiamo?

  • Riconoscimento delle attività rieducative da parte delle istituzioni.
  • Formazione di una coscienza pubblica.
  • Finanziamenti pubblici.
  • Finanziamenti privati.
  • Creare una struttura organizzativa.

Fase 3.6: Variabili in gioco

  • Disinteresse da parte dei pubblici.
    La tematica del carcere è quella che socialmente stimola meno interesse se non addirittura sospetto.
  • Discontinuità.
    Le attività rieducative hanno una debole coordinazione e una riconosciuta difficoltà nel passaggio di consegne e informazioni

Fase 3.7: Influenti

Chi può avere influenza sulla forza della nostra comunicazione?

  • Media
  • Personaggi politici, dello spettacolo e sportivi
  • Associazioni umanitarie e religiose
  • Esperti in generale

Fase 3.8: Destinatari

Chi sono i destinatari del messaggio?
Il pubblico non necessariamente coincide con il destinatario, ad esempio in una campagna di brand awareness per prodotti B2B, l'utente finale (pubblico) che userà i prodotti può fare pressione sull'azienda (destinatario) che lo deve effettivamente utilizzare.

  • Enti privati e pubblici
    • Fondi e strutture
  • Aziende private
    • Fondi,
    • servizi
    • beni

Fase 3.9: Messaggi

Quali sono i messaggi/slogan più importanti da comunicare?

  • Distanza colmabile
    Sostituire il concetto di separazione con quello di distanza, poiché ogni distanza è per definizione colmabile.
  • Diritto alla cura
    Ogni male ha diritto ad essere curato, così anche il detenuto ha diritto ad una possibilità di riabilitazione.
  • Filo conduttore
    Serendipity come coordinatrice delle attività interne.
  • Il seme della cultura
    La cultura come fonte, primo passo del percorso riabilitativo.

Fase 3.10: Strategia

Con quale strategia diffonderemo i messaggi?

Azione combinata di sensibilizzazione l’ opinione pubblica sulla tematica carceraria e pubblicizzare alle istituzioni e le aziende private la natura e la solida struttura organizzativa di Serendipity.

Fase 3.11: Ritratto cinese

Questa rappresentazione è molto utilizzata nel branding: si tratta in poche parole di cercare delle associazioni visive del tipo "e se fosse?".
Ad esempio se Serendipity fosse un sport, che sport sarebbe? Per noi sarebbe il rugby, per le sue caratteristiche di gioco di squadra, affiatamento e forza.
Abbiamo inoltre definito la promessa di marca e scelto il messaggio principale, cioè Il Seme della Cultura.
Si noti come dallo studio del brief incomincia a concretizzarsi il giallo come il colore istituzionale, a simboleggiare la naturalezza e solarità, in contrasto diretto con il grigio asfalto proprio per simboleggiare la rinascita.

ritratto cinese

Nel prossimo articolo passeremo alla realizzazione del brand e di tutte le linee guida.

Ti è piaciuta la realizzazione di questo progetto?

Vieni a vedere tutte le immagini su Behance cliccando il pulsante qui sotto!
Se poi decidi di segnalare il tuo apprezzamento al progetto, ci aiuterai a farlo conoscere in rete.

Idea R on Behance

You are the reader number 2,576.

Comments

comments powered by Disqus
Creative Commons License

Photographies, videos, graphics and texts by Idea R are licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

Previous article

Previous article

3 methods to detect mobile devices in ASP.NET

Next article

Infographic: the Social Media history

Next article
  • Visual Communication, Art DirectionVisual Communication, Art Direction
  • Apps, Cloud, Mobile, Software DesignApps, Cloud, Mobile, Software Design
  • Digital StrategiesDigital Strategies
  • BlogBlog
Touching finger
RSS feed
Blog

Scroll to top